esonica blog chiuso

ci siamo trasferiti su www.fiscaleweb.com

Pubblica Amministrazione e la responsabilità da buche stradali: il revirement giurisprudenziale.

Posted by arielkai su gennaio 7, 2008

buche.jpgFinalmente la “nuova” giurisprudenza, soprattutto di legittimità, è giunta, non senza contrasti, ad applicare anche alla Pubblica Amministrazione la presunzione di responsabilità di cui all’art. 2051 c.c., qualora abbia omesso di vigilare sul demanio stradale per impedire che ne derivi danni a terzi.

Infatti, troppo spesso si è assistito negli anni passati a sentenze di rigetto delle richieste risarcitorie avanzate dagli utenti della strada la dove gli stessi subivano dei danni a causa ed in ragione di una pessima manutenzione stradale (presenza di buche, strade sconnesse, macchie di olio, tombini sfondati o rialzati, ecc..), in forza del c.d. “principio di autoresponsabilità”. In particolare, gli utenti sarebbero gravati di un onere di particolare attenzione nell’esercizio dell’uso ordinario del bene demaniale, per salvaguardare la propria incolumità, tanto da potersi attivare sempre e comunque per scongiurare l’evento dannoso, fatta eccezione nei casi in cui si fosse in presenza di una “insidia” o del “trabocchetto”.
Diversamente, il più recente indirizzo giurisprudenziale, confortato in questo da numerose sentenze della Corte di Cassazione (cfr. Cass. Sez. III, 27 marzo 2007, n. 7403), ha abbandonato l’idea che l’eventuale responsabilità della P.A. debba essere ricondotta alla disciplina dell’art. 2043 c.c., e quindi all’ineludibile accertamento della sussistenza della c.d. “insidia e trabocchetto” non visibile dal danneggiato. Conseguentemente, chiariscono i Giudici di legittimità, il danneggiato dovrà esclusivamente fornire la prova della sussistenza dell’evento dannoso e del nesso causale fra la cosa (buca, avvallamento, ghiaccio, ecc..) e la sua verificazione.
In pratica, qualora un utente della strada in ragione della presenza di buche sull’asfalto perda il controllo del proprio mezzo, la responsabilità della P.A., ed è questa la novità di rilievo, è esclusa solamente dal caso fortuito, inteso come fattore che attiene non già al comportamento del responsabile, ma al profilo causale dell’evento, riconducibile quindi, non alla cosa che ne è fonte immediata, ma ad un elemento esterno, caratterizzato dall’imprevedibilità e dall’inevitabilità dell’evento, che non potranno richiamarsi laddove questo poteva essere prevenuto dal custode attraverso l’esercizio dei suoi poteri ed esplicazione dei corrispondenti doveri.
E’ altresì opportuno rilevare, seppur brevemente, come l’applicabilità generalizzata dell’art. 2051 c.c. al demanio stradale, prescinde anche da altri due limiti posti per la configurabilità della fattispecie de quo, e cioè, 1) l’estensione del bene demaniale e 2) l’uso generale e diretto della cosa da parte di terzi, “indici”, questi, di fonte giurisprudenziale, che non possono pertanto considerarsi “tassativi” ai fini della configurabilità della responsabilità della P.A. ( Cfr. Cass. Sez. III 20 febbraio 2006, n. 3651; Cass. Sez. III 2 febbraio 2007, n. 2308 e Cass. Sez. III 9 febbraio 2007, n. 2906).

Fonte: Avv. J D P

Annunci

7 Risposte to “Pubblica Amministrazione e la responsabilità da buche stradali: il revirement giurisprudenziale.”

  1. Settimio Di Porto said

    complimenti per l’articolo

  2. arielkai said

    Grazie ma è merito dell’avvocato J. D. P. noto civilista di Roma che collabora con noi

  3. leo balu' said

    complimenti all’avv.j.d.p ,ottimo l’articolo

  4. arielkai said

    Complimenti a tutto lo staff di E-sonica!!!!

    tutti consulenti eccezionali

  5. giovanni said

    molto interessante,ben fatto!

  6. francesco said

    Buon giorno leggendo questo articolo mi sono permesso di proporre un quesito, ho avuto un incidente con la moto a causa di una perdita di acqua sulla strada che da tempo sicuramente era abbandonata, con la formazione di licheni, facendomi scivolare letteramelte senza rendermene conto a bordo del mezzo ero il e la mia ragazza abbiamo riportato ferite non gravi solamente scoreazioni superficiali e qualche dolore alle articolazioni (spalla e ginocchia) dopo essermi reso conto che non c’era ninete di grave ho chiamato i viglili urbani ed hanno fatto la loro constatazione ed la relativa relazione dell’incidente! come devo comportarmi per essere risarcito? la moto ha più di 2000,00€ di danni!
    Grazie per l’attenzione!

  7. Anonimo said

    Salve

    nel mese di marzo 2008 mentre procedevo con il mio scooter cado in una buca rompendo varie parti dello scooter. Purtroppo non era presente nessun testimone provo a telefonare ai vigili ma purtroppo di domenica non lavorano.!!!!!
    Il giorno dopo vado al comando del vigili e spiego il tutto lasciando anche una segnalazione sulla pericolosità della buca.
    Qualche giorno fa l’avvocato mi chiama e mi dice che l’assicurazione non può pagare perchè non c’è nessuna denuncia o testimone della cosa.
    Ma dico io , è possibile questa cosa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: